Associazione Culturale Aristocrazia Europea

giovedì 20 settembre 2018

Royal News Italia intervista Lali Panchulidze

Intervista a Lali Panchulidze



Royal News Italia intervista la Contessa Lali Panchulidze
Lei rappresenta la Famiglia Reale Bagrationi ma tanti sono i pretendenti al trono virtuale della piccola Georgia... "Piccola ma preziosa e grande di storia e spiritualità, Georgia forte e indomita. Come dite voi: il vino buono sta nella botte piccola e noi georgiani siamo gli inventori del vino." (risponde Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri, fulminandomi con i suoi occhi di ghiaccio) "Si, attualmente sono ben quattro i pretendenti: i principi David Mukhrani, Nugzar Gruzinsky e Irakli Imeretinsky, più il piccolo Giorgio (figlio di David e Anna Gruzinsky), sostenuto da alcuni monarchici. Io sono fedele e rappresento il Principe Irakli, indiscusso capo della casa reale di Imerezia, non solo perchè la mia famiglia è di Imereti, ma perchè è giovane serio e semplice, molto colto e religioso, un patriota impegnato nel sociale. Per questo è sempre pù apprezzato non solo dai monarchici e dai nobili, ma anche dalla Chiesa e dal popolo, soprattuto dai giovani. Talmente apprezzato che anche i nobili armeni lo hanno riconosciuto legittimo erede degli antichi regni Bagratidi Bagratuni di Armenia e Cilicia. Conosco, stimo e voglio sinceramente bene alla Principessa Anna, ma il fallimento del suo matrimonio, ha, di fatto, impedito (spero solo posticipato) il ritono della monarchia in Georgia, come sostenuto dal nostro Santo Patriarca Elia e dalla maggioranza dei miei compatrioti. Il nostro Principe Irakli ha proposto un tavolo di pace ed un giusto accordo fra tutti Bagrationi, per il bene supremo della nostra amata Patria, ed il Principe David si è già detto disponibile. Sono fiduciosa..." Lei è cittadina georgiana residente in Italia ma la sua famiglia è di orgini bizantine e russofona... "I Panchulidze sono un antica famiglia ortodossa caucasica, molto fiera della propria identità etnica e religiosa, oltre che delle propria storia. Il capo del nostro Klan, il Generale Doni Panchulidze, carismatico patriota e appassionato studioso, ha raccolto la nostra storia in una Fondazione ed in due libri... Siamo orgogliosamente georgiani ma anche ortodossi di tradizione guerriera e militare. Siamo fieri dei nostri antenati, i generali Ivan e Semion Panchulidze che hanno combattuto al fianco dell'eroe principe Pietro Bagrationi, contro Napoleone e i Turchi, venendo, per meriti sul campo di battaglia e dell'onore, nominati conti dallo Zar di tutte le Russie e poi governatori della provincia di Sarov." E proprio per questa sua impostazione internazionale: ha fondato l'associazione eurasiatica ACIGEA, ed è stata voluta dal Principe Sforza Ruspoli alla vice presidenza della associazione culturale Aristocrazia Europea. "Io sostengo un fraterno dialogo cristiano fra gli ortodossi orientali ed i cattolici occidentali, l'interscambio culturale e commerciale fra le nazioni, una naturale alleanza continentale eurasiatica, in difesa della identità e del benessere dei popoli. Da monarchica spero nel ritorno della monarchia in Italia, in Georgia, quanto in Russia, con il Granduca George Romanoff, ed in una stabile pace fra i nostri popoli ortodossi, entrambi eredi dei Valori della Città Santa Gerusalemme, di Costantinopoli e dell'Impero Romano, Non mi occupo di politica ma sono contro il relativismo morale ed il mondialismo capitalista, nemici di tutte le tradizioni e civiltà, oltre che delle leggi naturali e, semplicemente, del buon senso comune. Per questo, da georgiana, ammiro e sostengo il filosofo tradizionalista eurasiatico Alexandr Dugin, portatore della nuova quarta teoria politica e del soggetto radicale, inteso come uomo veramente libero, quindi superiore ed autenticamente aristocratico". (Roya News Italia)
Lali Panchulidze con Anna Bagrationi e Leka Zogu

Lali Panchulidze con Emanuele Filiberto di Savoia

Lali Panchulidze con Diego Fusaro e Alexandr Dugin

venerdì 27 luglio 2018

Intervista a SAI il Principe Patrizio Tomassini Paternò Leopardi di Costantinopoli

 

Intervista a Patrizio Leopardi di Costantinopoli

di , 26 luglio 2018

UNA CONVERSAZIONE CON UN PRINCIPE BIZANTINO

intervista a cura di Giovanni Cavallanti Ferrero
Il Principe Patrizio Tomassini Paternò Leopardi – Conte di Montelupone e San Leopardo, Marchese di Montaperto, Conte Palatino del Regno di Polonia, Nobile del Regno di Aragona –  ci riceve in campagna, nelle sue terre marchigiane, intento a ispezionare vigne e bestiame al pascolo. Si, Sua Altezza Imperiale, Sir Patrick, discendente della dinastia Giustiniana Heracliana di Costantinopoli, è un principe contadino, persona di grande semplicità e straordianria umanità, che guarda alla sostanza delle cose: 55 anni, imprenditore agricolo, ma anche regista che ha girato tutto il mondo, profondo studioso di storia, ovviamente bizantina, ma anche templare, dopo un lungo percorso filosofico e spirituale, ha recentamente deciso di tornare alle orgini della sua famiglia, convertendosi alla Ortodossia cristiana.
Sarà infatti battezzato (ribattezzato, visto che lo era già da cattolico), il prossimo 28 ottobre, dal Vescovo Silvano Livi, Eparca (ovvero capo) della Chiesa Greco Ortodossa Tradzionale in Italia, nel Monastero di San Serafino di Sarof, appena sopra Pistoia. Nella stessa giornata, il suo primo cugino, il Conte Ezra Annibale Paterniano Foscari Widmann Rezzonico (Nobile Dogato e Patrizio Veneto, Conte di Noventa, Zellarino e San Bruson, Barone di San Paterniano, Somareg e del SRI, Conte di Ortenburgo e del SRI, attuale presidente della associazione culturale internazionale Aristocrazia Europea) sarà “incoronato e benedetto Principe Porfiriogenito”, ovvero nominato Capo della Augusta Casa Imperiale, con il sigillo sacrale ed il riconoscimento ufficiale del Patriarcato Greco Ortodosso, legittimo erede della tradizione religiosa costantinopolitana.
Cosa vuol dire essere un principe bizantino oggi? Quali obblighi ha e come si rapporta con la moderna quotidianità?  Essere un principe bizantino al giorno d’oggi è, innanzitutto, rispetto per la propria famiglia, le proprie radici e l’educazione ricevuta, ma anche testimonianza, quotidiana e concreta di storia, simboli e, sopratutto valori fondamentali per la nostra civiltà. Questo stile di vita, oggi giorno, non viene più apprezzato e capito, anzi, spesso viene frainteso, perché giudicato sorpassato, ma, in realtà è semplice e profondo rispetto di se stessi, degli altri esseri viventi e della natura uniti in una armoniosa gerarchia cosmica divina.
Cosa c’è ancora di attuale e di valido nella storia, nella organizzazione metapolitica e nel concetto di Impero Romano?  Nella Roma imperiale, come nel medioevo, si partiva per una battaglia con lo spirito di conquistare qualcosa di importante, non solo materiale ma sopratutto spirituale, e spesso la priorità èra una giusta causa: la famiglia, la terra, la libertà. Dell’impero vanno ripresi questi valori e gli ideali universali di ordine dei diversi, che è vera convivenza fra popoli e religioni, nel reciproco rispetto dellem identità.
Cosa ne pensa dell’attuale crisi della Chiesa Cattolica e perchè ha deciso di convertirsi alla Ortodossia Greca Orientale?  Ritengo che una persona debba approfondire la propria appartenenza religiosa, la storia della propria chiesa, quella della Città Santa di Gerusalemme ma anche delle religioni precedenti, pre cristiane e pagane, e di quelle diverse dalla nostra. Innanzitutto sono partito da una rilettura dei testi sacri biblici, ufficiali ed apocrifi, naturalmente in italiano, ma anche in latino, greco ed aramaico, proprio per cercarne di capirne di più le differenze e le sfumature, e poi di tutti i principali commentari, scritti, nel corso de secoli da studiosi, filosofi, dottori della chiesa, spesso divenuti Santi. Da questo lungo percorso di studio, anche dei vari concili e scismi, è nato il mio avvicinamento, culturale e spirituale, alla Santa Chiesa Ortodossa Orientale Costantinopolitana. La evidente crisi di identità della Chiesa di Roma ed il crescente smarrimento di tanti fedeli cristiani cattolici occidentali, mi sta dando ragione, ma io rimango uomo di continua ricerca e dialogo.
 
Lei è profondamente legato alla simbologia, alla musica ed alla spiritualità dei Cavalieri Templari, cosa ci può dire in merito?   Sono appassionato, da sempre, alla musica Gregoriana, alla storia del Medio Evo e della cavalleria cristiana. Da giovanissimo sono entrato in contatto con i più autorevoli maestri internazionali delle scuole templari, riconoscendomi negli insegnamenti spirituali e nelle rigide regole di vita dei “poveri cavalieri del Tempio e di Cristo”. Una missione, quella della difesa della verità e della giustizia, dei poveri e dei pellegrini, ancora valida ed attuale.
La vostra famiglia ha annunciato la rifondazione ed il rilancio dei vostri storici e legittimi ordini cavallereschi, con quali finalità?  Abbiamo deciso di riprendere le antiche istituzioni nobiliari e cavalleresche di famiglia, oltre che riunire e riordinare il nostro importantissimo archivio storico, araldico, genealogico di famiglia (circa diecimila libri e oltre ventimila documenti, dei quali diverse centinaia originali, antichi e preziosi, ora collocati in quattro sedi in tutto il mondo) per continuare l’opera dello zio, il Principe Don Hugo Josè. In particolare stiamo rivedendo e aggiornando, alle nuove esigenze del mondo contemporaneo, gli statuti degli Ordini Imperiali della Corona Heracliana (ordine nobiliare) e della Guardia d’Onore di Santa Sophia (ordine militare) e, certamente, fra le finalità vi è il concreto sostegno alla presenza cristiana in Medio Oriente ed ai fratelli cristiani oreintali (siriani, irakeni, egiziani ma anche palestinesi e turchi) discriminati, perseguitati, spesso martirizzati, abbandonati e dimenticati da questa Europa decadente, ipocrita e vile.
  

giovedì 19 luglio 2018

Incontro conviviale della Casa Imperiale Leopardi di Costantinopoli

Mercoledì 25 luglio, ore 18.30 a Milano
APERICENA IMPERIALE d'ESTATE
"Birreria-Trattoria Pepe Nero" Via Rivoltana 31
(Novegro-Idroscalo, di fronte al Luna Park)

riunione informale dei membri ed amici della
Casa Imperiale Leopardi di Costantinopoli
con Ezra Foscari Widmann Rezzonico
e Patrizio Tomassini Paternò Leopardi

Incontro con il Conte Mario Dalla Torre

 “Non si può guarire il corpo, senza guarire l’anima” (Platone)
Giovedi 26 luglio, ore 18.00, Viale Bianca Maria 3, Milano
Studio Legale Avv. Renato Maturo


Incontro culturale-filosofico-spirituale con
MARIO DALLA TORRE
(bioterapeuta, operaore olistico, pittore bioenergetico e scrittore)

lunedì 16 luglio 2018

Nuovi Cavalieri e Dame della Real Casa Bagrationi Imeretinsky di Georgia

 
CAVALIERI (di Grazia):
Dott. Vincenzo Cortese
Avv. Nicolò Giordana
Dott. Giovanni Seia
CAVALIERI UFFICIALI (di Grazia):
Padre Kirioni Machaidze
Padre Michele Maria Pirotta
Avv. Domenico Frasca
Dott. Stefano Linati
Avv. Renato Maturo
CAVALIERI UFFICIALI (di Giustizia):
Conte Diego Beltrutti di San Biagio
Conte Massimo Paltrinieri di Carpi
Conte Dott. Matteo Priori di Letino
Conte Dott. Nikoloz Vardanisdzev
Nob. Prof. Paolo Zampetti di Filattiera
DAMA UFFICIALE (di Grazia):
Cristina Vittoria Egger
DAME UFFICIALI (di Giustizia)
Nob. Tea dei Principi Japaridze Tavadishvili
Nob. Dott. Rosanna Chifari Negri
COMMENDATORI (di Grazia):
Canonico Don Ivan Leto
Ing. Gianni Stefano Cuttica
Dott. Gianfranco Guerra
COMMENDATORI (di Giustizia):
Marchese Stefano Durazzo di Gabiano e Pontivrea
Marchese Fabio Guasticchi di Cres
Marchese Prof. Giuseppe Parodi Domenichi di Parodi
Conte Cav. Alberto Uva
COMMENDATORI (di Merito):
Barone Roberto Jonghi Lavarini
Barone Salvatore Lupo Migliaccio di San Felice
Conte Alessandro Romei Longhena di Bergantino
DAME di COMMENDA (di Giustizia):
Principessa Francesca Lovatelli Caetani di Teano
Contessa Elena Manzoni di Chiosca e Poggiolo
GRANDI UFFICIALI (di Grazia)
Colonnello Valentino De Simone
Colonnello Angelo Vasta
GRANDE UFFICIALE (di Giustizia):
Conte Avv. Cesare Vernarecci di Fossombrone d’Anjou della Verna
GRANDI UFFICIALI (di Merito):
On. Mario Borghezio
Nob.Prof. Gianfranco Benedetto
Nob.Prof. Silvio Bolognini
Conte Ezra Foscari Widmann Rezzonico
Senatore Avv. Ignazio La Russa
Questi sono i meritevoli amici della Georgia, nominati, per diverso ordine e grado, Dame e Cavalieri del Reale Ordine (cavalleresco ed ecumenico) dei Santi Davide e Costantino (Principi Georgiani e Martiri Cristiani), di legittima collazione della Casa Reale Bagrationi, ufficialmente riconosciuto dalla Chiesa Apostolica Ortodossa di Georgia. Alla Placca d'Argento (di Grande Ufficiale) corrisponde la Nobiltà personale (non trasmissibile), con i titoli tradizionali ortodossi georgiani di "Raindi e Mandilosani", ed il trattamento di Suo Onore.

Il Generale Gran Maestro, Sua Altezza Reale il Principe Irakli Bagrationi Imeretisky (di Imerezia, Georgia, Armenia e Cilicia), su segnalazione di Suo Onore Mandilosani Lali Panchulidze Aznauri, ha così voluto ringraziare, in maniera ufficiale e simbolica, gli amici italiani promotori e sostenitori della Reale Delegazione. All'annuncio di SAR, seguiranno le lettere ufficiali di nomina "motu proprio" (a fine settembre), e, prima di Natale, la cerimonia religiosa di benedizione e consegna dei diplomi e delle onorificenze, che si terrà in Italia, in luogo e data ancora da stabilire, e tutte le relative comunicazioni specifiche.
Segreteria Generale della Delegazione
Viale Bianca Maria 3, 20122 Milano

lunedì 9 luglio 2018

ROYAL HOUSE BAGRATIONI OF GEORGIA

lunedì 9 luglio 2018

La Georgia, l'Armenia e la Dinastia Bagrationi...


Molti amici italiani ci chiedono spiegazioni in merito all’attuale situazione della Famiglia Reale Bagrationi e alla effettiva possibilità istituzionale del ritorno della Monarchia in Georgia. Il dato fondamentale per capire gli attuali assetti dinastici e politici è, ci dispiace dirlo ma siamo obbligati a farlo, il disastroso divorzio fra il principe David Mukhrani e la principessa Ana Gruzinsky (figlia di Nugzar), che, nel 2013, ha impedito l’allora sicuro ripristino della monarchia, fortemente sostenuto dal nostro Santo Patriarca Ortodosso, Ilia II. Da allora, si sono succeduti scandali e polemiche che hanno coinvolto i due ex coniugi, facendo perdere loro ogni credibilità, e indebolendo molto il partito monarchico. Per questo, oramai da alcuni anni, la maggioranza dei religiosi, dei nobili, dei cavalieri templari e dei monarchici georgiani sostiene come legittimo erede al trono della Georgia unita: Sua Altezza Reale il Principe Irakli Bagrationi Imeretinsky (di Imereti), Capo indiscusso della Casa Reale dell'antico Regno di Imerezia (dal 2017). Il giovane, Irakli, persona seria, semplice e molto religiosa, gode di un crescente consenso della popolazione georgiana, soprattutto fra i giovani, e rappresenta una speranza per la difesa della nostra storia, identità e unità nazionale. Recentemente, lo stesso Irakli, è stato ufficialmente riconosciuto anche come legittimo erede della Dinatia Reale Bagratuni ai troni di Armenia e Cilicia. Obbiettivo metapolitico è la nascita di una moderna monarchia federale che unisca i due storici stati cristiani del Caucaso, Georgia e Armenia, simbolicamente sotto la Corona dei Bagrationi, la pià antica dinastia sovrana della intera cristianità, dalle mitiche origini bibliche. Tutto questo è assolutamente chiaro e noto in Georgia, e nelle comunità georgiane e armene sparse nel mondo, ma  non in Europa, dove, i partigiani degli altri due pretendenti, oramai completamente delegittimati in patria, sono stranieri non ortodossi, interessati solo al commercio di titoli e medaglie, e non alla tutela delle nostre bimillenarie tradizioni, tantomeno al ritorno della monarchia ortodossa.
Montecarlo, Principato di Monaco
Lunedì, 9 luglio 2018
Conte Nikoloz Vardanisdzev Didebuli
 
 


mercoledì 6 giugno 2018

REALE DELEGAZIONE BAGRATIONI

mercoledì 6 giugno 2018

REALE DELEGAZIONE BAGRATIONI



Casa Reale BAGRATIONI (Baghadat, Bivritian, Bagratidi, Bivitriani, Bagratuni Pakradouni - Jessian, Davidian, Solomonian) di Imereti, Georgia, Armenia e Cilicia: Reale Delegazione per l'Italia (Principato di Monarco, Svizzera, Repubblica di San Marino, Stato del Vaticano e Santa Sede, Sovrano Militare Ordine di Malta - SMOM e Parlamento Europeo PE-EP).

Presidente è Suo Onore la Nobildonna Mandilosani Lali dei Conti Panchulidze Aznauri (Patrizia Bizantina - Zostepatrikia, Nobile del Caucaso - Velikayaledi,  Nobile dell'Impero Russo - Dvorianka), vice presidenti sono la Nobildonna Mandilosani Tea dei Principi Japaridze Tavadishvili e il Conte Avv. Cesare Vernarecci di Fossombrone dei Principi d’Anjou della Verna (discendente da un ramo collaterale della Casa Reale Angioina di Francia). 
Cappellani i Reverendi:  Padre Kirioni Machaidze della Chiesa Ortodossa di Georgia, Padre Michele Maria Pirotta della Chiesa Cattolica di Rito Orientale e il Canonico Prof. Padre Ivan Leto della Chiesa Cattolica di Rito Latino. 
La Segreteria Generale è curata dal Conte Nikoloz dei Principi Vardanisdzev Tavadishvili, l’Ufficio Legale dall’Avvocato Penalista Renato Maturo di Milano. 
Il Comitato d’Onore è così autorevolmente composto:  Conte Diego Beltrutti di San Biagio, Cavaliere Gianni Stefano Cuttica (Membro della Consulta dei Senatori del Regno), Marchese Stefano Durazzo di Gabiano e Pontivrea (discendente dai Dogi di Genova, Re di Corsica e Principi del SRI), Marchese Fabio Guasticchi di Cres, Principessa Francesca Lovatelli Caetani di Teano (Duchessa di Sermoneta e Marchesa di Cisterna), Contessa Elena Manzoni di Chiosca e Poggiolo, Conte Massimo Paltrinieri di Carpi, Marchese Prof. Giuseppe Parodi Domenichi di Parodi (presidente della Accademia Archeologica Italiana), Colonnello Angelo Vasta. 
Fanno invece parte del consiglio delegatizio: la Nobildonna Rosanna Chifari Negri (medico neurologo, ricercatrice di fama internazionale), il Cavaliere Vincenzo Cortese (Segretario Generale Norman Academy), il Colonnello Valentino De Simone, il Cavaliere Avv. Domenico Frasca (autorevole membro della delegazione SMOM della Lombardia), l’Avv. Nicolò Giordana, il Cavaliere Stefano Linati, il Conte Matteo Priori di Letino (medico farmacista), il Cavaliere Giovanni Seia ed il Nobile Prof. Paolo Zampetti (medico e docente universitario).

Contatti, informazioni, adesioni:
realcasabagrationi@gmail.com